IL CONVEGNO DI CULTURA “MARIA CRISTINA DI SAVOIA” DI RAVANUSA

COSI’ RICORDA DANTE, “Il Poeta eterno” A SETTE SECOLI DALLA SUA MORTE

Durante di Alighiero degli Alagheri, nato a Firenze nel 1265, morto a Ravenna nel 1321. A sette secoli dalla sua morte, così lo ha ricordato, nel momento di pandemia, in cui è vietata ogni forma di assembramento, il Convegno di Cultura “Maria Cristina di Savoia” di Ravanusa, in un incontro online sul tema “Poesia e Fede nella Comedia di Dante”.

Commemorare il 700esimo anniversario della morte di Dante, ricordane la grandezza letteraria significa celebrare il padre della nostra lingua, rendere omaggio a colui che possiamo definire caposaldo della letteratura italiana, europea e mondiale, il cui nome, faro di cultura letteraria, religiosa, storica, umanitaria, rende viva l’unità nazionale.

Relatore unico dell’evento è stato il notaio, dott. Salvatore Abbruscato. Un notaio di altri tempi, direi, un notaio intellettuale, cultore della letteratura, innamorato della Commedia di Dante, che conosce a molto bene e, tantissimi canti anche a memoria. Oratore brillante, ha spaziato in lungo e largo fra i vari canti del Paradiso oltre che delle altre due Cantiche, incantando gli ospiti della serata.

Sono intervenuti con la lettura e il commentato alcuni passi dei vari canti del Paradiso, gli alunni: Giada Formuso, Daniela Scibetta, Gabriele Scibetta, Teresja Volpe

dell’IISS “Giudici Saetta e Livatino”, guidati dalla infaticabile Professoressa Luisa Vinci, che, a sua volta, si è soffermata a parlare della Modernità di Dante. A nome della Scuola, dell’IISS “Giudici Saetta e Livatino” è intervenuto il Dirigente Scolastico per dare i saluti e per complimentarsi per i rapporti di interazione che continuano a sussistere tra il Convegno di Cultura e la Scuola.

Numerosa è stata la partecipazione di diverse Associazioni e Clubs a livello regionale e nazionale, dalla Fidapa, al Cif, all’Accademia Universitaria Ruggero II, alla UNIPOP, alla Fidervita, alla Tota Pulchra, ai diversi Convegni di Cultura “Beata Maria Cristina di Savoia” d’Italia, che la Presidente del Convegno, Prof.ssa Lilla Aronica, a fine serata, ha sentitamente ringraziato.

Lilla Aronica